home  news  contattaci  SEZIONE WAI - accessibilità

| A| B| C| D| E| F| G| H| I| J| K| L| M| N| O| P| Q| R| S| T| U| V| W| X| Y| Z|
Cerca nel Sito

La Regione per la Cultura
Le banche dati del patrimonio culturale
Beni culturali
Spettacolo, mostre e attività culturali
Servizi per la cultura
Cinema e Marche Film Commission
Comunità Virtuale
> Principale  
PESARO - “Letture storiografiche I libri di storia che hanno fatto storia”
Venerdì 29 novembre, alle ore 18,00, nell’auditorium di palazzo Montani (piazza Antaldi, 2 – 61121 Pesaro) viene presentato Letture storiografiche I libri di storia che hanno fatto storia (I Quaderni ASC, 1/2013, pp. 232) a cura di Marco Severini, che ne discute con Silvia Serini, una delle autrici


Il volume propone dieci meditate schede di altrettanti libri “che hanno fatto storia”, da Risorgimento e capitalismo di Rosario Romeo a Novecento di Tony Judt, da Guerra civile di Claudio Pavone a Il secolo breve di Eric J. Hobsbawn, dalle Origini del movimento femminile di Franca Pieroni Bortolotti all’Apologia della storia di Marc Bloc, senza dimenticare opere monumentali come la ricostruzione biografica di Pio IX, attuata in tre volumi da Giacomo Martina, o il trentennale lavoro di ricerca di Renzo De Felice.


Queste e altre opere non meno importanti, come Dei doveri dell’uomo, sono rivisitate nei contenuti, nel metodo, nel valore storiografico e nella “fortuna” presso i contemporanei e i posteri, senza peraltro tralasciare la dimensione biografica e intellettuale dei rispettivi autori. Ne è nata un’opera che si raccomanda a chiunque voglia “capire” di storia cominciando da opere ormai “classiche”, a chi voglia indagare il pensiero storiografico partendo dagli autori più importanti e dalla bibliografia che dalla loro indagine è scaturita: .

 

Marco Severini insegna Storia dell’Italia contemporanea presso il Dipartimento di Studi umanistici dell’Università di Macerata. È autore di numerose pubblicazioni, alcune in lingua straniera, che trattano aspetti politici, civili e culturali dell’età contemporanea. Con la monografia La rete dei notabili (1998) ha vinto la XVIII edizione del Premio nazionale di Cultura “Frontino-Montefeltro”. È presidente dell’Associazione di Storia Contemporanea, membro della SISSCO e direttore della rivista «Storia delle Marche in età contemporanea» e della collana di storia contemporanea “I Quaderni ASC”. Ha indagato la storia politica italiana dell’Otto e del Novecento, la Repubblica Romana del 1849, la crisi dello Stato liberale e l’avvento del fascismo, la biografia politica di uomini e donne. Tra gli ultimi lavori ricordiamo La Repubblica romana del 1849 (Marsilio 2011); Piccolo, profondo Risorgimento (Liberilibri 2011); Dizionario biografico del movimento repubblicano e democratico (Codex 2012); Dieci donne. Storia delle prime elettrici italiane (Liberilibri 2012). È appena uscito da Marsilio il volume da lui curato Viaggi e viaggiatori nell’Ottocento. Itinerari, obiettivi, scoperte.

 

Silvia Serini si è laureata a pieni voti in Lettere moderne specializzandosi in Storia presso l’Università di Perugia. Ha lavorato nelle biblioteche di Jesi, Senigallia e Corinaldo: attualmente è borsista presso le biblioteche di Ripe e Castelleone di Suasa e sta curando la catalogazione del patrimonio librario del Centro Mazziniano di Senigallia. Membro del Consiglio Direttivo dell’Associazione di Storia contemporanea e redattrice della rivista “Storia delle Marche in età contemporanea”, ha pubblicato saggi in diverse riviste storico-contemporaneiste. Ha partecipato come relatrice al convegno “L’impegno politico e intellettuale delle donne nel Novecento: casi di studio”, svoltosi nei giorni scorsi a Macerata. Sta per pubblicare presso Liberilibri una monografia su Alberto Moravia e il cinema.

 

           

 25 novembre 2013

 

 

 

Invia questo articolo Stampa/Print