home  news  contattaci  SEZIONE WAI - accessibilità

| A| B| C| D| E| F| G| H| I| J| K| L| M| N| O| P| Q| R| S| T| U| V| W| X| Y| Z|
Cerca nel Sito

La Regione per la Cultura
Le banche dati del patrimonio culturale
Beni culturali
Spettacolo, mostre e attività culturali
Servizi per la cultura
Cinema e Marche Film Commission
Comunità Virtuale
> Principale  
PORTO SANT’ELPIDIO (FM) – “L’invenzione della solitudine” con Giuseppe Battiston
Giuseppe Battiston uno degli attori italiani di cinema e di prosa più bravi, apprezzati e premiati torna al Teatro delle Api martedì 28 gennaio con “L’invenzione della solitudine” di Paul Auster, lo scrittore che insieme a Lou Reed e Woody Allen, è uno dei cantori della grande New York ma anche di un’America malinconica e sempre più solitaria, (indimenticabili sono i suoi film Smoke e Blue in the face, con protagonista Harvey Keitel)



Messo in scena con la drammaturgia e la regia Giorgio Gallione e le scene di Guido Fiorato, lo spettacolo, il cui testo è quello del romanzo autobiografico del ’79, prodotto dal Teatro dell’Archivolto di Genova è il quarto appuntamento della stagione realizzata dall’assessorato alla cultura del Comune di Porto Sant’Elpidio insieme alla Fondazione Progetto Città & Cultura e all’AMAT con il contributo del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo e della Regione Marche.

 

Qualche settimana dopo l’inattesa morte del padre, Auster si ritrova nella grande casa di un genitore quasi estraneo, che ha abbandonato da anni la famiglia per ritirarsi in una solitudine caparbiamente distaccata dal mondo e dagli affetti. Così, riscoprendo un padre semisconosciuto e assente attraverso tracce labili, oggetti e carte, il protagonista riscopre i frammenti di una esistenza estranea, che è in parte anche la propria, ripercorrendo la vita di un uomo che si è nascosto dal mondo.

Una ricerca del padre scomparso che lo costringe a fare i conti con una perdita, una mancanza che lo strazia come persona e come figlio. Ma “la musica del caso” vuole che lo stesso Auster, proprio in quei giorni, stia per abbandonare la moglie e, ineluttabilmente, anche l’amatissimo figlio. In un mosaico di immagini, riflessioni, coincidenze e associazioni, il destino costringe così Auster a radiografare un’esistenza e a riflettere sulla difficoltà di essere insieme padre e figlio e su come il caso impercettibilmente governi le nostre vite.

 

Informazioni e prevendite al botteghino del Teatro delle Api, Eventi Culturali (tel. 0734/902107) e Amat ad Ancona (tel. 071/2072439) www.amatmarche.net. Inizio spettacolo ore 21,15.---

 

 

27 gennaio 2014

Invia questo articolo Stampa/Print