home  news  contattaci  SEZIONE WAI - accessibilità

| A| B| C| D| E| F| G| H| I| J| K| L| M| N| O| P| Q| R| S| T| U| V| W| X| Y| Z|
Cerca nel Sito

La Regione per la Cultura
Le banche dati del patrimonio culturale
Beni culturali
Spettacolo, mostre e attività culturali
Servizi per la cultura
Cinema e Marche Film Commission
Comunità Virtuale
> Principale  
URBANIA (PU) - La magnifica Mandragola di Niccolò Machiavelli
Un classico di tutti i tempi per la Stagione di Prosa organizzata dalla Rete Teatrale della provincia di Pesaro e Urbino e nata dalla collaborazione tra Provincia, Amat e Comune di Urbania. Mercoledì 5 marzo alle ore 21.15 sul palco del Teatro Bramante, andrà in scena Mandragola di Niccolò Machiavelli con la regia di Jurij Ferrini, una coproduzione Progetto U.R.T. – La Corte Ospitale



La storia è nota: un marito non più giovanissimo ha, come unico desiderio, che la stupenda moglie resti incinta. Poiché questo non avviene l'uomo si rivolge a un dottore, il medico però, lungi dall'essere un luminare, è un impostore: finge perché è perdutamente innamorato della giovane donna e vuole trovare il modo di averla. Qui entra in gioco la
Mandragola, radice magica e potente. Al marito viene fatto credere che la donna resterà incinta se accetterà di berla, ma il primo che andrà a letto con lei è destinato alla morte. Ovviamente questo non è vero, ma l'innamorato ottiene il suo scopo.

Certo la boccaccesca trama dell'opera, basata sull'equivoco e sul raggiro, è già di per sé divertente. L'interpretazione del Progetto Urt, però, fa scoprire i lati impensati del testo, trasformandolo facilmente e senza forzature in una situazione reale e assolutamente attuale. 

 

“Mandragola, ispirata da un motivo erotico-cortese - d’ascendenza medievale e di sapore decameroniano, ossia l’innamoramento da lontano, per semplice suggestione, durante una disputa sul primato di bellezza tra le donne italiane e quelle franzesi - non è solo una perfetta macchina comica, ma anche una meravigliosa allegoria sulla corruzione della logica politica. Allegoria che scambia i vizi della vita pubblica con quelli della vita privata, allargando il suo orizzonte critico anche al clero e che in quasi cinque secoli di storia - e qui sta il secondo motivo di stupore nel riprenderla in mano oggi - non solo non ha perso mordente sull’attualità, ma al contrario è stata in qualche modo una lucidissima premonizione sui nostri tempi, rivelando la nostra stessa identità di popolo e le radici profonde di un malcostume - ahimé - tutto italiano.

La bellissima lingua musicale, armonica, piena di latinismi e francesismi, con echi dell’accento toscano odierno è assolutamente comprensibile quando viene parlata e quindi ascoltata. E’ invece un testo infernale da leggere: molto meglio goderselo a teatro” racconta il regista.

 

Appuntamento anche con Scuola di platea. Sempre mercoledì alle ore 18.30, presso la Sala Volponi di Urbania, saranno i ragazzi del Liceo Scientifico Marconi di Pesaro ad assistere allo spettacolo e a incontrare la compagnia U.R.T. Scuola di platea è un progetto ideato e seguito da AMAT, con l’intento di avvicinare e sensibilizzare i ragazzi delle scuole superiori al mondo teatrale. L’incontro, aperto a tutti.

 

Forse non tutti sanno che alcune scene del fil La Mandragola, diretto da Alberto Lattuada nel 1965, con Rosanna Schiaffino, Philippe Leroy e Totò, furono giarate a Urbino e a Urbania nella Chiesa dei Morti e nelle cantine di Palazzo Ducale. Per questa giornata, quindi la Chiesa dei Morti di Urbania rimarrà eccezionalmente aperta e visitabile dalle ore 16.30 alle ore 19.

 

La sera dello spettacolo, grazie a Confartigianato e alla mostra Mani pensanti, si potranno come sempre ammirare, nel foyer, straordinari manufatti della nostra provincia.

 

BIGLIETTI

Settore A (platea e palchi centrali), intero Є 15 (ridotto Є 12). Settore B (palchi laterali e loggione)  intero Є 10 (ridotto Є 8). Hanno diritto alla riduzione gli spettatori fino a 25 anni e oltre i 65. Potranno inoltre usufruire delle riduzioni per la Stagione della Rete Teatrale 2013/14 i possessori di Carta Musei Marche e Tessera Plus Rete Servizi Bibliotecari di Pesaro e Urbino (www.cartamusei.marche.it;  www.cultura.pesarourbino.it)

BIGLIETTI E ABBONAMENTI POTRANNO ESSERE ACQUISTATI:

- in prevendita (con maggiorazione di € 1,00):

biglietteria Teatro Rossini, P.zza Lazzarini, 1- Pesaro, tel. 0721 387621

orari: dal mercoledì al sabato dalle 17.00 alle 19.30

biglietteria Input, via Rossini, 41 - Pesaro, tel. 0721 1836768

orari: martedì e giovedì 10.00-13.00; mercoledì, venerdì, sabato e domenica 10.00-13.00 e 16.00 –19.00. Chiuso il lunedì

biglietteria Teatro della Fortuna, P.zza XX Settembre, 1, Fano, tel. 0721 800750

orari: tutti i giorni (escluso i festivi) 17.30-19.30; mercoledì e sabato anche 10.30-12.30

- il giorno stesso dello spettacolo

 

Biglietteria Teatro Bramante di Urbania dalle ore 17.00 tel. 0722 317929

INFO:

Amat - Rete Teatrale della provincia di Pesaro e Urbino

tel. 0721 - 3592515  cell. 366 6305500 reteteatripu@amat.marche.it  www.amat.marche.it

Facebook Rete Teatrale PesaroUrbino Amat Twitter Rete Teatro Amat PU


4 marzo 2014

 

Invia questo articolo Stampa/Print