home  news  contattaci  SEZIONE WAI - accessibilità

| A| B| C| D| E| F| G| H| I| J| K| L| M| N| O| P| Q| R| S| T| U| V| W| X| Y| Z|
Cerca nel Sito

La Regione per la Cultura
Le banche dati del patrimonio culturale
Beni culturali
Spettacolo, mostre e attività culturali
Servizi per la cultura
Cinema e Marche Film Commission
Comunità Virtuale
> Principale  
CASTELRAIMONDO (MC) - “Che carogna la cicogna” in scena al Teatro Manzoni
Domenica 6 aprile alle 17.30, al cinema teatro Manzoni di Castelraimondo va in scena “Che carogna la cicogna” di Pietro Romagnoli, presentata dalla Compagnia Lucaroni di Mogliano. La commedia ha vinto Dialettiamoci 4 a Caldarola ed ha riscosso ovunque un successo strameritato ed elevatissimo



Questo succede a IL DIALETTO DELLE ARMONIE
, rassegna organizzata dalla Compagnia Valenti e dal comune di Castelraimondo, col sostegno della Regione Marche, dell’Amministrazione Provinciale, della Comunità Montana Alte Valli del Potenza e dell’Esino, delle aziende Banca Marche, Infissi Design, Oro della Terra, Albani Divani e Poltrone, Libreria Del Monte, NutrixPiù, Artigianvetro e col patrocinio delle due Università di Camerino e Macerata e della U.I.L.T.

 

Dopo la replica della comemdia Lu medicu de li matti di Eduardo Scarpetta, tradotta in dialetto da Luisella Tamagnini e presentata dalla Filodrammatica Piorachese venerdì scorso e dopo la brillante serata di “Nimici come prima” di Gianni Clementi, presentata dall’Associazione Culturale La Fabbrica dei Sogni di Tolentino e dalla Compagnie Teatrali Riunite di Macerata per la regia di Quinto Romagnoli occorre fare una riflessione: la rassegna è finalmente decollata con grandi presenze di pubblico: un premio meritato dal sindaco Renzo Marinelli e dall’assessore Elisabetta Torregiani per la grande tenacia, il grande impegno e la forte passione spesi per far crescere questa manifestazione.

 

Ora tocca alla compagnia di Mogliano, la Lucaroni, un sinonimo di garanzia e di divertimento. “Che carogna la cicogna”, scritta, interpretata e diretta da Pietro Romagnoli ha vinto Dialettiamoci 4 a Caldarola ed ha riscosso ovunque un successo strameritato ed elevatissimo.

 

Dalle note di regia:

Alla chiusura de “Lu matrimoniu a casa de Mengrè” ci eravamo lasciati proprio nel giorno del tanto sospirato “sì” tra Maria e Valentino. Oggi a distanza di quattro anni, vedremo cosa avrà riservato loro il futuro. Siamo ancora nella metà degli anni sessanta e i contrasti familiari che avevano accompagnato il fidanzamento della coppia sono velatamente sopiti, quasi coperti da una coltre di cenere che protegge la felicità dei due sposi, ma che forse nasconde le insidie di un fuocherello mai spento. E si sa, basta poco perché quel fuocherello si riaccenda e diventi un incendio di proporzioni epiche ! La scintilla non tarda ad innescarsi; quattro anni di matrimonio, passati in attesa di un lieto evento che non ne vuole sapere di arrivare sono veramente tanti, sia per la famiglia “Mengrè” che per quella dei “Catirbittu”. Sono tanti anche e soprattutto per il vicinato che, insinuando e spettegolando, alimenta le chiacchiere e le maldicenze sui giovani sposi, avvelenando la vita di Maria e Valentino, e soprattutto quella dei rispettivi genitori, che non accettano più di starsene a guardare in disparte. Partecipa alle preoccupazioni familiari anche il sempre più “rintronato” nonno Vasì, che nei pochi momenti di lucidità si chiede dove potrà mai essersi fermata la cicogna.......... andiamo a scoprirlo insieme.

 

La rassegna si concluderà sabato 12 aprile, alle ore 21.15, con la commedia “Basta che vóti!” di Fabio Macedoni, presentata dalla Compagnia Valenti. E, come sempre, una cerimonia finale per congedarsi dal pubblico, dagli sponsor, dalle compagnie e dai rappresentanti delle istituzioni.

Il programma della rassegna dialettale è visibile anche consultando il sito http://www.ildialettodellearmonie.it/  e la pagina Facebook www.facebook.com/groups/172390949527448/ .

I biglietti possono essere prenotati anche telefonicamente ed acquistati, comunque, al botteghino del Cinema Teatro dalle ore 19 del giorno dello spettacolo.

Prezzi: 5 €  ingresso unico.

Info e prenotazioni: 338/2595480.

 

 

3 aprile 2014

Invia questo articolo Stampa/Print